Congresso Nazionale Silb a Saint Vincent, comunicato di Luca Talucci

Nella foto, a destra, Luca Talucci, Presidente Silb Viterbo
 

“No regole no party”. Turismo e movida 4.0”. Luca Talucci, presidente provinciale Silb Fipe Viterbo, lieto di rappresentare la notte a Saint Vincent.

“Colgo l’occasione di esprimere i ringraziamenti al presidente provinciale nonché dirigente nazionale la signora Lilly per l’ospitalità avuta in un luogo bellissimo ; si è svolto nei gg 13.14 novembre 2017 il 32 congresso nazionale del Silb ( sindacato italiano locali da ballo), no regole …. no party questo è lo slogan 2017/018, movida in sicurezza. Durante il congresso sono emersi alcuni dati importanti, innanzi tutto sottolineo che è ritornata la VOGLIA DI ANDARE A BALLARE nel 2016 , i giovani sono i protagonisti della notte , nella fascia che va dai 25 a 34 anni sono il 35%, seguono i 20/24 anni con il 22.8% e si viaggia quasi alla pari con i 35/44 enni sfiorando il 22.2%.Un dato rilevante sono i minorenni con il 10.3% , infine con un 9.3% sono i 18/ 19 anni .Durante il congresso si è parlato anche di abusivismo da ballo in particolare in ristoranti , circoli, bar ; a Viterbo il Silb afferma Talucci si è raggiunto un buon tavolo di trattative con Prefettura, Questura, Comune, visto il protocollo di sicurezza voluto dal ministero dell’interno è stato siglato; ricordando che Viterbo è stata la settima città d’italia,nel quale si cita all’interno dello stesso la voce ABUSIVISMO E CONCORRENZA SLEALE .L’abusivismo purtroppo afferma il presidente non esiste solamente a Viterbo ma purtroppo si sta espandendo anche in provincia creando danni all’erario nonché agli imprenditori notturni .Le discoteche a voce alta afferma Talucci sono luoghi sicuri dotate di tutte le norme in materia di sicurezza, a differenza di attività tipo bar / ristoranti che ballano in totale assenza di requisiti.Nell’ultimo incontro avuto con l’assessore Sonia Pera si sono raggiunti degli accordi con scadenza a breve , importanti per salvaguardare la notte nel capoluogo di provincia; quella notte che associata alla voglia di divertirsi / ballare / conoscersi non finirà mai , ovviamente in SICUREZZA”.